Press "Enter" to skip to content

Come Riutilizzare i Vestiti

La moda registra sempre nuove tendenze e in questi ultimi anni lo stile retrò e vintage ha preso decisamente piede. Sarà fortunata chi ha spulciato in soffitta e frugato nel baule dove la mamma o la nonna hanno conservato gelosamente qualche capo d’abbigliamento che ricorda magari un evento particolare della loro vita e che, se rivisitato in chiave moderna, può rivelarsi una vera e propria chicca della stagione, che tutte le amiche di certo vi invidierebbero. Un vestito anni Cinquanta, una camicia in chiffon a fiori o una gonna a balze, e tutti quei capi che avete accantonato nell’armadio e mai pensavate di poter ritirare fuori, possono essere riattualizzati modificandone la fattura magari rivolgendosi ad una sarta.

Questi capi possono essere modificati con una piccola spesa che vale certamente la candela se pensiamo ai prezzi che propongono anche le catene low cost, e soprattutto se consideriamo che la qualità e la fattura degli indumenti che portavano i nostri avi, è senza dubbio migliore rispetto alla merce che troviamo sempre più spesso in giro, anche nelle boutique più insospettabili e che porta sull’etichetta l’immancabile scritta “made in china”.

Modificando il collo e le spalle, apportando degli accorgimenti qua e là, accorciando le maniche o le lunghezze è possibile modernizzare un capo e indossare qualcosa di qualità inorgogliendosi del fatto che sfoggiamo un indumento che apparteneva un tempo proprio alla nostra cara mamma. E’ possibile fare shopping nel nostro armadio anche solo ripescando proprio quel jeans che adesso ci calza troppo largo, in seguito a una dieta dimagrante che ci ha fatto cambiare taglia.

Per restringere un paio di jeans e riadattarlo alla nostra nuova forma fisica la spesa è minima e si aggira intorno ai 15 o 20 euro ma ci consentirà di ottenere un capo che si adegua perfettamente al nostro fisico, e ci è “cucito” addosso come si suol dire! Insomma con un pò di fantasia è possibile riattualizzare e riciclare capi che altrimenti o andrebbero buttati via o continuerebbero ad ammuffire negli armadi.

Articoli Simili

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *